Header Unit

Categoria: Recensioni

Alison Moyet – Other

Sono passati 35 anni da quando il singolo ‘Only you‘ segnò l’esordio del duo Yazoo, formato da Alison Moyet e quel Vince Clarke che fino a pochi mesi prima era co-autore dei pezzi dei giovanissimi Depeche Mode, tra cui, ad esempio, ‘Just Can’t Get Enough‘. Dopo soli...

Illegal Operation – Down

Gli Illegal Operation nascono ad Atene nel 2000, precisamente in occasione di un festival blues tenutosi quell’anno in Grecia. Dopo svariati cambi di nome ed esibizioni, la formazione torna a darsi sentire con “Down”, uscito a cinque anni da “3rd Day”. I mezzi sono principalmente due, l’improvvisazione...

Nadsat – Crudo

Crudo by Nadsat “Crudo” è l’ultimissima fatica dei Nadsat, duo math core/noise del basso bolognese che con sonorità primordiali e spontanee oltrepassa i soliti schemi compositivi avvalendosi di una formazione minimale, sfruttata al massimo delle potenzialità. Registrato e mixato da Enrico Baraldi degli Ornaments e masterizzato da...

O.R.k. – Soul of an Octopus

I cosiddetti super gruppi sono sempre al centro dell’attenzione e guardati con occhio di riguardo. L’attenzione che si focalizza su di essi è sempre tanta e soprattutto le aspettative degli ascoltatori e dei fan sono sempre elevate. Purtroppo un buon risultato viene spesso a mancare: vuoi per...

Il Grido – Il Grido

All’inizio fu El Grito, la prima formazione che vide suonare insieme Giuseppe Di Bianca e Andrea Jannicola (rispettivamente voce e chitarra della band) affiancati da Matteo Di Capua alla batteria e Fabio Di Maio al basso. Dopo circa un anno subentrò al basso Luca Gherardini e con...

A Rainy Day In Bergen – Mathmind

A distanza di cinque anni dal loro esordio discografico, tornano gli A Rainy Day In Bergen con il nuovo lavoro in studio, “Mathmind”. La band campana, composta da Carlo Barra, Pasquale Aliberti e Diego Maria Manzo, continua sulla strada intrapresa con il lavoro d’esordio, cioè quella ricerca di equilibrio tra...

Ásgeir – Afterglow

Ásgeir è un cantautore islandese che ha mosso i suoi primi passi nel mondo della musica nel 2012, con un album cantato nella sua lingua – onesto ma fondamentalmente senza grandi pretese di successo fuori dall’Islanda. La sua delicatezza e sensibilità hanno fatto breccia ben oltre i...