Hinds live a Torino: non ho l’età

Le Hinds: probabilmente le uniche ragazze spagnole non Erasmus presenti in quartiere San Salvario in questo 21 gennaio 2016. Il girl power più indie di tutti viene da Madrid, pochi giorni fa usciva il loro disco “Leave Me Alone”. Entriamo all’Astoria, si sente molta gente parlare in spagnolo, in inglese, perché Torino è in Italia ma San Salvario è in Europa.

Il nostro Luigi De Palma viene avvicinato da un gruppo di ragazzi che gli chiedono una foto col cellulare sotto la scritta “Astoria”, è la prima foto che deve scattare oggi, certo non la più stimolante, ma rappresenta un po’ l’atmosfera di vida movida che si respira fra queste vie in serate “barzotte” come i giovedì sera, si sa che i giovedì sono i venerdì dei venerdì.

Sun Club live Astoria

Iniziano i Sun Club, di cui avete letto poco tempo fa qui sul vostro sito di riferimento. Americani, simpatici, giovanissimi, peluria di baffetti mai tagliati, il cantante ancora in giacca a vento attacca il primo pezzo, la ragazza a fianco a me commenta “potrebbe essere mio figlio”. Fanno un bel casino, potrebbero essere una versione cazzona dei Vampire Weekend, mi piacerebbe avere la loro età per sognare di mettere su un gruppo con gli amici e fare la musica che fanno loro, e non fare discorsi da vecchio quali quelli che sto scrivendo in questo momento!

Hinds live Torino setlist

Aspettiamo le Hinds, il locale si riempie un bel po’, bene, si percepisce molta curiosità. Non mi aspettavo un tale dispendio di fotografi e telecamere. E dire che io e Luigi De Palma forse volevamo andare al concerto di Giovanni Lindo Ferretti all’Hiroshima. Perché non ci siamo andati? Ecco i rispettivi motivi:

Io: il comunicato dell’evento corrisponde alla sua scaletta, in maggior parte pezzi storici per vincere facile, come dire “tranquilli non vi canto le ultime cose, faccio la roba che piace a voi quindi venite” e questa cosa mi lascia un po’ perplesso. E poi è di destra.

Luigi: dopotutto su GigLife, cioè i concerti consigliati da Rumore, ci sono le Hinds e GLF no. E poi è di destra.

Dunque invece del solito pippone su Giovanni Lindo Ferretti integralista cattolico traditore bla bla, ecco il concerto di questa band femminile che nel suo repertorio ha qualche canzoncina che prende subito. In più sono tutte donne, è rarissimo vedere o ascoltare una rock band priva di qualsiasi elemento maschile (per esempio le Hole non valgono). Mi è successo l’ultima volta con le dolenti adorabili Warpaint, accade oggi con le Hinds che però hanno tutt’altro spirito.

Hinds live Ana Perrote

È un punk pigro, festaiolo, universitario, interrail, un po’ Libertines. Sono dolcissime nella loro approssimazione tipicamente indie. Ma non sono in serata. Al microfono, Carlotta e Ana dicono che hanno avuto una bruttissima esperienza prima del concerto, che nei loro tour ne hanno sentita di merda a sfondo sessuale ma stavolta è stato davvero troppo. Ricostruendo, pare che per frasi in spagnolo un po’ offensive qualcuno sia stato allontanato dal locale. Però durante la loro performance sono coccolatissime dal pubblico, che gli perdona qualche tempo morto e un po’ di scazzo, e abbozza tentativi di pogo.

Hinds live Torino Astoria

Il finale è all together con i Sun Club, c’è pure il fonico, dieci persone in due metri quadri di palco a far casino con ‘Davey Crockett’, cover dei Thee Headcoats. Presabene, pogo, finisce il concerto e ne beviamo un’altra.

Fino a questo report, scritto in ritardo e con approssimazione tipicamente indie, mi restano appiccicate in testa ‘Warts’ e ‘Trippy Gum’ come postumi di una sbronza allegra. Spero che nelle prossime date italiane si divertano come il video che c’è qui. Anche perché senza divertimento, cazzeggio, serate ggiovani non sono più “Hinds”, che oltre che una girl band mi appaiono ora anche come un lifestyle, un tipo di tipa, che tutti nessuno escluso abbiamo baccagliato ubriachi a qualche festa nelle case di chissà chi… che per quanto mi riguarda si trovavano comunque in San Salvario!

Hinds live Carlotta Cosials

Photo © Luigi De Palma

0 Comments

Join the Conversation →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.