Header Unit

Il Teatro degli Orrori, photogallery del concerto a Torino

Il Teatro Degli Orrori, Hiroshima Mon Amour – Torino, 23/10/2015

A tre anni di distanza dal precedente “Il mondo nuovo”, venerdì 2 ottobre è uscito il quarto, omonimo, album de Il Teatro degli Orrori (qui la recensione al disco): dodici tracce che, come pugni in faccia, dipingono l’affresco di un’Italia allo sfacelo con disarmante ironia e sarcasmo.
Un viaggio nella società italiana affrontato con la rabbia viscerale e lo struggente disincanto che contraddistinguono la band.
L’ultimo de Il Teatro degli Orrori è un disco che si spinge verso un rock più definito ed essenziale ma anche più ricercato, sottolineando il nuovo corso intrapreso dal gruppo, dove spicca l’attenzione poetica ai testi che da sempre contraddistingue la scrittura di Pierpaolo Capovilla.
Un album pensato e scritto per essere suonato live, la dimensione naturale de Il Teatro degli Orrori dove la band si esprime al meglio e sviscera tutta l’energia e la furia dei propri brani.

Per l’occasione, l’Hiroshima Mon Amour di Torino si è riempito all’inverosimile quando ha ospitato la seconda data del nuovo tour de Il Teatro degli Orrori.
Visto l’entusiasmo del pubblico,  si può già affermare che questo sia un nuovo capolavoro della band che ha visto un Pierpaolo Capovilla in piena forma, catalizzatore assoluto della serata con il suo modo unico e inconfondibile di stare sul palco.
Aprono la serata gli Storm{O} band post hardcore italiana che abbiamo già avuto modo di conoscere (qui la recensione al loro disco): anche loro scatenati sul palco.

Artista

Il Teatro Degli Orrori

Opening Act Storm{O}
Evento Il Teatro Degli Orrori live a Hiroshima Mon Amour
Luogo Torino
Genere musicale alternative rock, noise rock

Luigi De Palma

Luigi De Palma

view all posts

Fotografare la musica? E' un po' come la streetphotography, bisogna sapere aspettare...è un' alchimia, c'è un attimo, una frazione di secondo in cui tutti gli elementi si presentano, la luce, il colore, l' espressione, il gesto, ecco quello è il momento giusto per scattare.

0 Comments

Join the Conversation →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.