Nuovi arrangiamenti per un nuovo spettacolo: Dente live a Ravenna

The show must go on potrebbe essere il sottotitolo del concerto di sabato 6 dicembre al Bronson di Madonna dell’Albero (RA), noto e apprezzato locale romagnolo dal cartellone ogni anni ricco ed interessante.

Febbre, raffreddori e malanni vari ci hanno provato ad atterrare Dente e i suoi, ma non ci sono riusciti – o almeno, non del tutto.
Già, perché ad essere completamente onesti, avendo assistito ormai a diversi live di questo stralunato cantautore debbo rilevare che lo spettacolo di Ravenna per il ‘Gran Band Epilogo Tour‘ è stato un po’ sottotono.
Forse parte della colpa va ricercata nel fatto che i tanti e bei pezzi di facile lettura attirano una larga fetta di pubblico interessato purtroppo solo a quel segmento artistico.
La conseguenza? Durante il resto delle esecuzioni la gente ‘distrae e si distrae’ con chiacchiere e telefonini, rendendo difficoltosa l’attenzione nei confronti del concerto.
Forse parte della colpa va ricercata anche nell’acustica, che in questa occasione al Bronson tende a rimbombare un po’ troppo.
O, semplicemente, parte della colpa va ricercata nella temperatura incredibilmente alta (la mia).
Insomma, il concerto non è scivolato liscio come altre volte, ma come già accennato lo spettacolo c’è stato.

Nuovi ed interessanti arrangiamenti, grazie anche all’inserimento di una sezione di fiati (una tromba e due sax) e alla chitarra elettrica, di brani tratti dai primi album (‘Non c’è due senza te‘, ‘L’amore non è bello‘).
Una scaletta lunga e varia.
Apprezzabile il fatto che, avendo all’attivo numerose canzoni, ad ogni concerto queste vengano ripescate un po’ tutte, compresa la riuscitissima cover di ‘Verde‘ dei Diaframma che, ormai lo abbiamo capito, Dente suona più per far piacere al pubblico che a sé stesso.
Il resto del pubblico non so, ma io per questo lo ringrazio.

Guarda il video di ‘Verde‘ interpretata da Dente

Davide Franzoni

Davide Franzoni

view all posts

Occupa discretamente il suo spazio nel mondo dal lontano 1980, sviluppandosi pian piano come entità artistica polivalente: illustratore, musicista, giornalista... anche se nessuno se ne accorge, esattamente come per il fatto che salva il mondo tutti i giorni. Pazienza!

0 Comments

Join the Conversation →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.