UNALTROFESTIVAL 2016 Day 1: l’intrattenitore e l’antidiva

UNALTROFESTIVAL 2016 al Circolo Magnolia di Segrate (MI): due serate di inizio settembre, due palchi, headliner importanti e piccole ma interessanti realtà. Un quick festival in questo caldo, caldissimo scorcio di fine estate, che raduna i giovani milanesi, lombardi o di chissà dove, indaffarati nel cercare di sfuggire al rientro al lavoro o allo studio per la sessione di settembre. 1 settembre, prima serata, possiamo iniziare.

01-Sunday-Morning-UNALTROFESTIVAL-Segrate-MI-20160901

Per accompagnare l’apertura dei cancelli e il primo afflusso di pubblico, si va sul sicuro e ci si affida all’ospitalità romagnola: i Sunday Morning di Cesena e i Landlord di Rimini aprono le danze, indie rock i primi, elettronici votati al trip hop i secondi. In tutto questo, si presenta di fronte a noi avventori il consueto dramma che caratterizza ogni occasione al Magnolia, grande o piccolo evento che sia, all’aperto o al chiuso: l’orario è propizio per tappare la fame e innaffiare la frugale cena con una birra, ma ad ogni punto vendita, e non sono affatto pochi, c’è coda. Una coda interminabile, o stai lì o segui i concerti, e se dai la precedenza al tuo orecchio il tuo stomaco si lamenterà per l’intera serata. Finché sei un ragazzino è ok, ma l’età avanza e non è accettabile saltare a piè pari la cena. Sfrutto dunque le pagine dell’Oca per un appello ai signori del Magnolia: vi prego, fate qualcosa per noi quasi-post-giovani e per la nostra fame.

01-Landlord-UNALTROFESTIVAL-Segrate-MI-20160901

Direttamente dalle grandi hit della bella stagione, e dai vostri frigoriferi, arriva il primo nome di rilievo di UNALTROFESTIVAL 2016: i canadesi The Strumbellas portano folkate di pop, senza alcuna pretesa di innovazione. Un folk-pop gradevole e già sentito, da parte di un gruppo che vorresti far suonare alla cresima di tuo figlio, se tuo figlio avesse gusti musicali un po’ sciapi. Lo schema dei pezzi è collaudato: battimani e plettrata, leggera sviolinata sul ritornello. Simpatica anche la presenza scenica: la ragazza al violino, un corpulento tastierista con cappellino e camicia a quadri, e addirittura un cantante con la barba. La partecipazione in coro per ‘Spirits‘ è importante, e la rende piacevolmente rotonda e pienotta, nonostante nessuno sventoli un vasetto di yogurt.

12-The-Strumbellas-UNALTROFESTIVAL-Segrate-MI-20160901

Con sorprendente puntualità, l’attenzione si convoglia al palco principale di UNALTROFESTIVAL, perché è l’ora di Edward Sharpe and the Magnetic Zeros. Sono tanti, tantissimi sul palco, ed è forse proprio per mancanza di spazio che il cantante, frontman e uomo-immagine del gruppo americano, Alex Ebert, si mette a cantare a livello del pubblico. L’incedere blues arricchito dai numerosi strumenti addolcisce la sua voce un po’ nasale, mentre indossando fiero la sua canotta bianca alterna lo show vocale a delle grandi chiacchierate col pubblico, saltando di continuo su e giù dal palco. Qualche distratto spettatore di tanto in tanto si chiede chi stia cantando, perché un attimo lo vedi e l’istante dopo non c’è più nessuno al centro della scena.

09-Edward-Sharpe-and-the-Magnetic-Zeros-UNALTROFESTIVAL-Segrate-MI-20160901

Iniziano ad accadere cose incomprensibili per chi osserva il concerto dalla media distanza: compare una tizia col tamburello, non si capisce da dove, forse direttamente dal pubblico, e rimane per qualche pezzo. Addirittura porge il microfono al pubblico per far cantare i più coraggiosi (anche questa è da prendere con le pinze, è una mia interpretazione di quel che sono riuscito a captare). Praticamente si mette a fare il Fiorello, un simpatico intrattenitore. I pezzi degli Edward Sharpe and the Magnetic Zeros sono fatti di un pop ben strutturato e tendono ad aprire immancabilmente nel finale. Quando sta per subentrare la raucedine, Alex Ebert si improvvisa Joe Cocker e propone una cover dal sapore caraibico di ‘Instant Karma‘ di John Lennon, prima di far sfociare il concerto nello svacco più totale.

12-Edward-Sharpe-and-the-Magnetic-Zeros-UNALTROFESTIVAL-Segrate-MI-20160901

Ci siamo divertiti, abbiamo cazzeggiato, ora torniamo a fare le persone serie: il nome grosso del primo giorno di UNALTROFESTIVAL è pronto, e stavolta non sarà una frivolezza. I Daughter sono un gruppo inglese capace di assumere diverse sfumature in soli due album, e non è ben chiaro cosa ci si debba aspettare dal loro concerto. L’inizio è molto luminoso, con una chitarra violenta e un basso importante, e poi arriva la voce alta a dispetto della presenza timida di Elena Tonra, vero fulcro della band. Hanno un lato oscuro a 220 Volt, con suoni molto stratificati, ma sanno anche togliere le chitarre dal fodero e fare qualcosa di molto noise, sempre con quella ricercatezza tipica del post rock.

08-Daughter-UNALTROFESTIVAL-Segrate-MI-20160901

Elena Tonra ha il carisma e il fascino dell’antidiva, interagisce poco ed educatamente, ma è lei a decidere la velocità a cui viaggiano i Daughter: fanno scendere la catena, e poi picchiano qualche schitarrata incisiva. Sono claustrofobici, ma se la voce si fa più alta del suono si intravede uno spiraglio di luce. Si fa un po’ fatica a catturare l’attenzione di una parte di pubblico un po’ distratta, ma alzando i volumi il brusio di fondo scompare. Assistiamo addirittura all’abbandono della chitarra per dare voce a un pezzo con cassa tonante, prima di rientrare nei ranghi e ricordarci che nelle loro vene scorre anche parecchio trip-hop. Si arriva verso la fine con cisterne di malinconia, imprevedibili stacchi di musica nel vuoto, salutandoci con ‘Fossa‘ e una chiusura arpeggiata, poi scattante e addirittura di corsa nelle ultime battute.

13-Daughter-UNALTROFESTIVAL-Segrate-MI-20160901

Abbiamo visto un po’ di tutto in questa prima giornata di UNALTROFESTIVAL, gruppi decisamente sopra le righe e altri invece che si nascondono sotto le righe. Buonanotte Magnolia, ci si vede domani per il secondo tempo.

Vuoi vedere la gallery completa?
Clicca qui.

Matteo Ferrari

Matteo Ferrari

view all posts

Nato nel 1984 nell'allora Regno Lombardo-Veneto. Un onesto intelletto prestato all'industria metalmeccanica, mentre la presunta ispirazione trova sfogo nelle canzonette d'Albione, nelle distorsioni, nei bassi ingombranti e nel running incostante.

0 Comments

Join the Conversation →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.