Header Unit

Giorgio Ciccarelli – Bandiere


Lo avevamo ascoltato dal vivo, in una data del suo lunghissimo tour de “Le cose cambiano”, ed ora lo ritroviamo a due anni di distanza, con il suo nuovo lavoro fresco di stampa.
Giorgio Ciccarelli dal 30 marzo 2018 aggiunge un tassello importante alla sua discografia, “Bandiere”, ultima fatica del chitarrista milanese che per la pubblicazione chiama a rapporto tutti i suoi fan attraverso la piattaforma di crowdfunding su Musicraiser.

Il nuovo capitolo mantiene molte caratteristiche del lavoro precedente, l’art work ancora una volta affinato da Sergio Saccingo Tanara, amico collega nel progetto musicale Colour Moves.
I testi nascono anche in questa occasione dalle mani di Tito Faraci, scrittore e fumettista, testi nati da lunghe chiacchierate e discussioni spesso a sfondo socio politicho intercorse tra Faraci e Ciccarelli stesso.
Conversazioni e confronti che poi hanno dato spunti validi per la stesura dei nuovi testi. “Bandiere” offre all’ascoltatore testi molto più diretti ed efficaci, che restano nella testa.
Non viene certo meno l’introspezione contestuale, il confronto con questa società veloce e poco attenta ma, rispetto al passato, gli scritti sono più solari e di facile immedesimazione per l’ascoltatore.
In “Bandiere”, Ciccarelli attraverso le parole dell’amico ricollega il passato al presente e lo plasma in mille forme per affrontare il futuro.
Musicalmente l’elemento aggiunto in “Bandiere” è la massiva presenza di synth su tutti i pezzi. Come per i testi, anche le musiche di “Bandiere” ripescano echi new wave, rock e altre distorsioni dal passato che vengono rimodellati con l’ausilio dell’elettronica.
Per adesso non vi raccontiamo altro.

Ora lo sappiamo, di fronte al civico 13 c’è un’artista lucido che da dentro la città attraverso il suo contatto cuore-stomaco-cervello continua a creare musica.
E se in “Le cose cambiano” ci aveva fatto capire di aver rialzato la testa, ora qui pianta definitivamente la sua bandiera in quella che è la sua terra promessa, fatta di rock, sperimentazione e creatività a 360 gradi.

0 Comments

Join the Conversation →