Preoccupations – Preoccupations


L’omonimo album dei Preoccupations è il secondo debutto, il primo però con il medesimo nome: i Viet Cong, nati dalle ceneri dei Women, dovettero cambiarlo perché accusati di razzismo e appropriazione culturale.

La band propone quindi con il nuovo nome un post-punk con elementi noise: lo si nota dall’intreccio delle chitarre con il basso.
Gli arrangiamenti sono studiati nei minimi dettagli, il tutto contenuto dalla voce quasi baritonale di Matt Flegel che regala sempre fantastici fraseggi di basso su cui costruire le liriche. Come già più volte dichiarato dal vocalist della band canadese, il tutto è frutto di un’energia nervosa che ispira le nuove registrazioni.
Analizzando i ruoli notiamo il lavoro che c’è dietro ogni strumento, dagli arpeggi ai passaggi di batteria equilibrati e a tratti esplosivi.
Partiamo con ‘Anxiety‘ per renderci conto che poco è cambiato in termini di sound: la band mantiene lo stesso approccio servendosi di un post-punk ispirato con frammenti di elettronica grazie alla presenza dei sintetizzatori – come nel caso di ‘Memory, in cui Dan Boeckner dei Wolf Parade e Divine Fits interpreta qualche strofa – o la stessa ‘Anxiety‘.
Tuttavia si tratta di un lavoro più oscuro ed ermetico, suonato con più intensità: i vari feedback di chitarre e basso vanno spesso a mischiarsi, regalandoci passaggi dal riscontro fragoroso e originale.
A volte è anche difficile orientarsi all’interno dell’album, ci si ritrova a rantolare nel buio, avvicinandosi a sonorità dark-wave come Bauhaus, il tutto testimoniato dal frequente utilizzo di arrangiamenti melodici appesantiti e confusi dalle distorsioni e dai riverberi. 
Non un’accozzaglia di suoni ma una selezione attenta e ponderata delle frequenze che non risparmia picchi ben architettati.

Un album da ascoltare più volte da cima a fondo, tanto da consumarlo: lo permettono sia la durata che la struttura snella dei brani, breve ma intenso.
Un album per palati raffinati e seguaci del post-punk, genere largamente sviluppato e reso in molte delle sue possibilità.

0 Comments

Join the Conversation →