MinimAnimalist – W.O.K.


Dinamici, cattivi e sperimentali. Queste sono le caratteristiche che il duo italiano formato da Davide Bianco eFabio CazzettaMinimAnimalist (chitarra e batteria), che ha messo alla base del loro ultimo lavoro “W.O.K.”
Con il suggestivo dualismo tra serietà e ironia, le loro composizioni vengono fortemente influenzate dal modo di essere molto personale.
Identificano, infatti, le loro personalità in animali contrapposti quale il topo (Davide) ed il gorilla (Fabio), intrsi di un equilibrio umano prima che musicale.

Il nuovo lavoro comprende 11 tracce di pura mistura stoner-rock, psichedelico da un lato e di una mistura rock molto classicheggiante dall’altra.
Sono molte le caratteristiche derivate da ogni brano; basta ascoltare le prime due tracce, ‘WOK’ e ‘Ing. Giannino’  per immedesimarsi in due campi sensoriali completamente diversi. Da un lato gli accordi gonfi di distorsione dedita alla ricerca melodica, dall’altra un’ aspra e schietta suddivisione ritmica per marcarne la metrica.
Dal terzo e quarto brano, ‘Maglione’ ‘Il mercato delle decisioni’,  cominciano ad uscire sonorità sempre più cupe e vicine al blues.
Con ‘Hai già vinto’ il duo si avvicina stranamente ad uno stile ibrido con un indie molto oscuro nel sound, sfociando in una visione più dedita allo stoner-metal nei brani come ‘Efelante’, ‘Pover me’ e ‘Giuda’. 
La tempesta si placa con ‘Mi buttavo’, dando una visione empirica rispetto all’essenza dell’album stesso.
Il caos ritorna con ‘Disturbo tripolare’, ma con ‘Come si può’ MinimAnimalistdimostrano davvero il loro dualismo, riuscendo a centrare la giusta consistenza fra quiete e intensità.

La tecnica e la voglia di essere unici in un mondo musicale dominato dai luoghi comuni, rendono questo duo degno del panorama musicale italiano, specie di quello underground.
Particolare anche il connubio tra musicalità e testi che, rigorosamente in italiano, forniscono dei punti bonus al lavoro complessivo.
Si spera che questo gruppo formato da due animi (agli antipodi ma al contempo stesso vicini) possa continuare ad elevarsi e farsi conoscere nella visione italiana della musica.

0 Comments

Join the Conversation →