Mathì – Figura


Per il loro nuovo disco dal titolo ”Figura”, i Mathì hanno scelto la forma creativa ed interessante del concept album optando per una fusione tra musica e fotografia che ha lo scopo di raccontare le contraddizioni dell’uomo.
Pubblicato ad aprile 2016 per l’etichetta partenopea Octopus Recordings, il focus di questo progetto sono i volti umani e le verità che nascondono: grazie alla collaborazione con la fotografa Michela Fabbrocino a nove volti si sono potute legare altrettante storie e così nove canzoni.
Colti nella loro realtà, a volte crudele, i personaggi delle storie presentano sempre delle giustificazioni siano esse di natura sociale, religiosa, morale o semplicemente personale, con una conseguente confusione delle differenze tra bene e male.
Grazie a questo lavoro sopraffino di ricerca, il disco ha un packaging molto originale, che si presenta all’esterno con il risultato di un cut cover (tratto distintivo delle produzioni Octopus Records) e che contiene all’interno un booklet composto da 9 scatti stampati su carta fotografica con i testi sul retro.

Per le nove tracce contenute in questo disco, le chitarre, il basso e la voce sono quelle di Francesco De Simone, il piano elettrico e i synth suonano sotto le mani di Antonio Marano, mentre della sezione ritmica (basso e percussioni) il tocco magico è quello di Francesco Tedesco.
La prima canzone che possiamo ascoltare dalla tracklist di ”Figura” è l’intro ‘Sensi’ che con andamento incrementale si muove su un testo ricco di richiami ad odori e a sapori dolci e pastosi.
‘Il lamento dell’idiota’ racconta la figura di un ricordo, di un immagine legata ad una donna oramai persa, magari per errore, sicuramente con rimorso.
La fame della carne e la promessa della distruzione di un cuore emerge in un sound soave in ‘Cannibale’ mentre è dark l’introduzione di tastiera di ‘Sincera’, che sembra riflettere allo specchio la figura di chi sa di essere parte del mondo in modo attivo e ricco di opportunità.
È stanco e ferito l’amore vissuto e sopravvissuto che i Mathì raccontano attraverso la splendida ‘Orchi-Dea’.
Traccia numero sei, ‘Furia nel bosco’ è un pezzo rock ed energico, dal testo affilato e preciso in cui si sospira per la salvezza da un pericoloso viaggio notturno entro una selva buia ed oscura, tra prede e predatori.
C’è posto per racconti da notte fonda in ‘Confessioni di uno sbronzo‘, che con leggiadria permette alla band di narrare una storia di  solitudine e disperazione mai banale. ‘Teresa’ è una donna la cui vita si è piegata verso la cura di un uomo oramai consumato dalla vita e dalla fatica.
Infine ‘La bufera‘ è tutt’altro che tempestosa, essendo un brano ricco di delicatezza e di accortezze melodiose e lessicali.

Questo dei Mathì è un progetto interessante, un concept album che sceglie una raccolta di musica e di immagini in grado, assieme, di portarci di fronte ad un vero e proprio dipinto.
La prospettiva di ”Figura” è infatti in grado di proiettarci nell’immaginario di ben nove vite altrui, ognuna con la propria sofferenza e la propria felicità, ognuna con la propria espressione del senso del vivere stesso, che niente meglio della musica può raccontare.

Leslie Fadlon

Leslie Fadlon

view all posts

Cerco la bellezza ovunque, come Cristiano Godano insegna. Sono un'amante del rock'n'roll e credo fermamente che un giorno senza musica non sia degno di essere vissuto. In love with Afterhours and many more.

0 Comments

Join the Conversation →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.