Mastice – Violente Manipolazioni Mentali


Diffido sempre dalle indicazioni del comunicato stampa, spesso neanche scelte dalla band stessa, e infatti non lo leggo mai nulla prima di aver ascoltato almeno una volta l’album.
Ma questa volta mi è stato anticipato (o se preferite spoilerato, termine che va molto di moda) che nell’album ‘Violente Manipolazioni Mentali‘, esordio dei Mastice, avrei trovato sonorità industrial e ambient con una forte natura elettro-rock.
Questo è bastato a suscitare in me una vibrante curiosità, ma anche, di conseguenza, un po’ di aspettative.

All’ascolto mi accorgo che non è una band in senso classico a suonare, con campionamenti ed elettronica utilizzati in larga scala: si tratta di un duo, composto dai ferraresi Igor Tosi (già voce dei Devocka, da non confondere con gli americani DeVotchKa) e Riccardo Silvestrini.
L’album è un concept: senza soluzione di continuità, da un tappeto elettro-soft spuntano fuori uno dopo l’altro i singoli brani.
Le influenze sono di livello e si percepiscono sonorità raffinate (anche se non originalissime).
In tutto il disco prevale un’atmosfera cupa che lo rende, nel bene e nel male, incisivo.
Ascoltando ‘Violente Manipolazioni Mentali‘ è come se ti ritrovassi di notte, al freddo, in una stanza chiusa con un neon intermittente che ronza e un rubinetto che gocciola: se questa sensazione non impedisce di affrontare i successivi ascolti, man mano il tutto diventa più affabile ed orecchiabile.

Davide Franzoni

Davide Franzoni

view all posts

Occupa discretamente il suo spazio nel mondo dal lontano 1980, sviluppandosi pian piano come entità artistica polivalente: illustratore, musicista, giornalista... anche se nessuno se ne accorge, esattamente come per il fatto che salva il mondo tutti i giorni. Pazienza!

0 Comments

Join the Conversation →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.