Lilies On Mars – Ago


La notizia è di qualche giorno fa ed è rimbalzata in ogni parte del mondo: «There’s water on Mars».
Questi sono i risultati dei test svolti dalla navicella Mars Reconnaissance Orbiter dell’agenzia spaziale americana NASA: la notizia ha lasciato molti sorpresi, ma sicuramente non quelli che conoscono il progetto Lilies On Mars.

Da diversi anni infatti il pianeta Mars viene esplorato anche dall’agenzia spaziale Lilies On Mars, arrivata ormai alla quarta spedizione sul pianeta rosso.
Dopo l’ottimo riscontro dell’ultima missione con il disco “Dot to Dot” (2013) ed un tour terrestre che ha toccato diverse città americane ed europee, il duo sardo formato da Marina Cristofalo e Lisa Masia  lascia il quartiere operativo di Londra in cui si trovava da tredici anni, per tornare nella terra d’origine.
La nuova operazione musicale si chiama “Ago” e vede ancora in cabina di pilotaggio le due astronaute, le Lilies: la produzione è curata dall’etichetta Lady Sometimes Records e ci mette lo zampino Tom Furse degli Horrors.

Nove avventure per raccontare l’immaginario e la cifra stilistica di queste due ragazze.
Il suono si è evoluto rispetto agli esordi del 2008 con l’omonimo “Lilies On Mars” ed il suono attuale ondeggia tra un dream pop raffinato ed un’elettronica ballabile.
La chitarra acustica viene momentaneamente accantonata e sono le melodie dei sintetizzatori a dare corpo e struttura alle canzoni.
Le voci sono pennellate leggere che descrivono i paesaggi di Mars e ci raccontano le sue avventure; i grandi spazi aperti riempiono l’atmosfera di echi e rendono l’atmosfera irreale e sognante; le voci s’intrecciano creando giochi di luce e assumendo tonalità sciamaniche.

Stealing‘ è la prima avventura ed è il brano che spariglia le carte: voci incantate su sintetizzatori spaziali.
Dancing Star‘ è il singolo di lancio ed ha una bellezza particolare, quasi retrò: smuove le corde interiori dentro di te e ti ritrovi inevitabilmente a scuotere la testa a tempo.
Rachel Walks By The Sea‘ è la prova che non solo su Mars c’è l’acqua, ma che succedono anche cose miracolose, come dimostra Rachel.
‘I’ve Got You‘ è il brano che ci riporta a casa, passando attraverso una costellazioni di suoni e rumori spaziali.

«Rachel walks by the sea. Rachel walks by the sea.  Rachel walks by the sea» rimane come un mantra nella testa: il pensiero con le Lilies On Mars vola lontano e non torna più indietro.
Non abbiamo bisogno degli ingegneri della NASA per scoprire lo spazio, ci bastano sette note del pentagramma, due bellissime voci e un po’ d’immaginazione.

Avatar photo

Luca Nicoli

view all posts

"Che potevo saperne io di me stesso? Ero proprio io quel personaggio che riuscivo a percepire con la mia coscienza?" Amante della musica e cresciuto nei vicoli di Città Alta a Bergamo.

0 Comments

Join the Conversation →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.