L.A. Witch live a Milano: l’attitudine di graffiare

Occasione ultima per vedere in Italia le L.A. Witch, la serata del 7 aprile al Circolo Ohibò di Milano.
Band giovane e interamente al femminile, ma già rodata da diversi anni di esibizioni live, le L.A. Witch hanno pubblicato a settembre del 2017 il loro album d’esordio, che porta il loro stesso nome, e chiudono davanti al pubblico milanese il tour europeo di questa primavera.

Uno sguardo in casa prima di cominciare: i Go Go Ponies vengono da Milano e sono un’altra band dalle quote rosa predominanti, che si gioca tutto con l’impatto, visivo e musicale. Si presentano vestite per metà da pompiere, dalla vita in su, e praticamente non vestite per la rimanente metà. Interagiscono col pubblico, ammiccano e giocano con l’ambiguità dei testi, spingendo con chitarre dritte, semplici e pesantine. I Go Go Ponies strizzano l’occhio all’hard rock, la voce è graffiante (facile il richiamo a Sandra Nasić dei Guano Apes), i ritmi serrati e incalzanti, sanno come tenere alta l’attenzione del pubblico per uno show divertente.

Gogoponies

Le L.A. Witch mettono subito in chiaro che di impostato non hanno assolutamente nulla. Il suono è ruvido, la voce effettata ed elaborata con echi massicci, l’odore che si respira è quello di un seminterrato newyorkese, anche se, come facilmente intuibile dal loro nome, queste tre ragazze provengono dalla West Coast, terra che in quanto a rumorosi gruppi garage ci ha regalato grandi soddisfazioni nell’ultimo paio di decenni.

Graffiano le chitarre e su un tempo che si trascina, lasciando un po’ in secondo piano il basso. I riff delle L.A. Witch non sono affatto puliti, hanno una bella presa, il loro suono punta prevalentemente alla sostanza con un uso moderato di riverberi. Il ritmo non è mai lo stesso, a tratti emerge un’attitudine rock and roll più movimentata, alcuni pezzi spaziano e non mostrano una vera identità, poi si solleva il piede dall’acceleratore e si sfuma nel garage suonato a testa bassa.

Arriva anche una sorta di piacevole ballata sporca e dalle melodie più “virtuose”, se così possiamo definire ‘Baby in blue jeans‘. Le L.A. Witch prendono suoni tutt’altro che armonici e li sovrappongono, prendendo forma in un modo inaspettatamente gradevole. Ci pensa la voce di Sade Sanchez a trasmettere una sensazione di distonia, anche quando la chitarra è più pulita e tradizionale.

Il risultato che arriva al pubblico, da tutta questa elaborazione delle L.A. Witch, è di ottima qualità e si ha la piena impressione che non ci sia nulla di costruito dietro, che tutto esca con assoluta spontaneità. Sfoderano anche grandi bassi e suoni ovattati, con un gran tiro, cavandosela bene pure su tempi sostenuti. Si chiude il set con chitarre compresse, basso importante e qualche fischio di feedback dalle case.

Un paio di pezzi per l’encore delle L.A. Witch, un rientro ondeggiante e con una buona ritmica, che prende pure qualche divagazione tra il surf rock e un accenno di rock psichedelico, si collocano sempre fuori dal tempo, con qualche carenza di basso che ancora si avverte, giocando di continuo con i cambi di velocità. L’attitudine live delle L.A. Witch è fuori discussione, se con un album solo alle spalle riescono a tirar fuori un concerto di questo tipo: ci sono idee, c’è immediatezza, ci sono tutte le cifre per considerarle un gruppo più che promettente nella scena garage rock.

Matteo Ferrari

Matteo Ferrari

view all posts

Nato nel 1984 nell'allora Regno Lombardo-Veneto. Un onesto intelletto prestato all'industria metalmeccanica, mentre la presunta ispirazione trova sfogo nelle canzonette d'Albione, nelle distorsioni, nei bassi ingombranti e nel running incostante.

0 Comments

Join the Conversation →