Damien Rice in concerto a Napoli: una serata intima e speciale

Non si può certo dire che quello del 19 maggio al Teatro Acacia di Napoli sia stato un concerto usuale, per una lunga lista di motivazioni – prima fra tutte, per l’importanza dell’artista che ne ha calcato il palco.
Lo scorso febbraio fu proprio Damien Rice a dare comunicazione di questa serata, i cui biglietti, una volta attivate le vendite, andarono a ruba in meno di un quarto d’ora.
L’occasione per questo evento unico e speciale è nata dall’amicizia del cantautore irlandese con lo street artist spagnolo Escif e la decisione di collaborare insieme per un progetto lodevole.
Breath – Tempo di ricarica” mira infatti alla riforestazione del Monte Olivella, vetta di oltre mille metri nei pressi di Sapri, al confine tra Campania e Basilicata.
Il concerto di Damien Rice rientra nella campagna di crowdfunding che finanzierà l’opera ecologica di Escif: una “batteria” per ricaricare il Monte Olivella dopo la deforestazione attuata più di tre secoli fa, che ancora è causa di frane e alluvioni nei territori circostanti, una ricarica composta da 5000 alberi.
Damien Rice ha spiegato al pubblico del Teatro l’obiettivo dell’opera con un esempio semplice e quanto mai calzante: «Quando il nostro cellulare si scarica cerchiamo subito una possibilità vicina per ricaricarlo, chiediamo ai nostri amici se hanno a portata di mano un caricabatterie, cerchiamo una presa a cui attaccarlo. Ecco che la nostra terra ha bisogno di essere ricaricata, il Monte Olivella è il piccolo esempio di un’esigenza più grande. Gli alberi andranno a ricaricare di energia la montagna che spogliata dalla sua vegetazione ha perso ogni forza e “Breath” sarà la più grande opera ecologica d’Europa». Ecco spiegato il secondo motivo che ha resto inusuale e unico il concerto.

Lo show è totalmente unplugged: due microfoni, uno per la chitarra e uno per la voce, nient’altro ad amplificare i suoni. La scenografia è nuda, il teatro conserva il suo fondale nero, solo qualche luce calda ad illuminare l’artista.
Ad aprire il concerto è stato Massimo De Vita del duo napoletano Blindur, invitato dallo stesso Damien Rice che ha conosciuto recentemente proprio a Napoli, durante uno dei viaggi del cantautore irlandese – che ha dichiarato di amare molto la città campana.
Il terzo motivo che ha reso indimenticabile il concerto è dovuto alla scaletta, o meglio, all’assenza di essa, che ha fatto sì che il pubblico insieme a Damien scegliesse di volta in volta i brani da eseguire.
Un viaggio attraverso i brani più belli della carriera musicale dell’artista: nessun intento promozionale e nessun disco in uscita, solo la voglia di condividere due ore piene di musica ed emozione.
Un dialogo in continuo divenire tra il cantautore e il suo pubblico che lo abbraccia e lo accompagna.
Si parte con ‘Delicate‘ per continuare con ‘The Professor & La Fille Danse‘, poi ancora ‘My favourite faded fantasy‘ (dall’ultimo disco e “Older chests”) – su ‘VolcanoDamien Rice chiede la collaborazione del pubblico mettendo in piedi un vero e proprio coro.
Si continua con le richieste della platea con ‘Colour me in‘ e ‘Accidental Babies‘ – «It’ a very sad song», commenta Damien, ma il pubblico la richiede a gran voce.
Si continua con ‘9 crimes‘ e ‘I don’t want to change you‘, la prima vera canzone d’amore scritta dal cantautore per sua stessa ammissione – racconta di un amore che non vuole cambiare l’altro ma che lo accoglie e lo accetta così com’è.
È la volta di ‘Amie‘, e quando dal pubblico gli chiedono di suonare una delle sue canzoni preferite, Rice sceglie ‘Famous Blue Raincoat‘ di Leonard Cohen.
The greatest bastard‘ e ‘Cannoball‘ completano la setlist.
È a questo punto che Damien richiama sul palco Massimo dei Blindur al quale ha chiesto di proporre una canzone del repertorio tradizionale della musica napoletana: la scelta cade dunque su ‘Era de maggio‘, la cui esecuzione è accompagnaa dall’esibizione di una ballerina.
Il finale del concerto è il quarto motivo che ha reso indimenticabile la serata: Damien e Massimo improvvisano al buio con musica e parole, dieci minuti di viaggio tra i suoni di due cantautori pieni di talento, accomunati da una sensibilità fuori dall’ordinario.

È pur vero che ciò che di più speciale accade ai concerti di Damien Rice avviene fuori dalla venue, quando “finita la serata” lui imbraccia una chitarra e la porta tra la gente, in un parco pubblico o una piccola piazza vicina.
Quelli del pubblico che hanno atteso il momento si siedono attorno a lui e lo ascoltano, lo abbracciano, gli parlano come se fosse un vecchio amico.
Lui è instancabile e regala ancora ore di musica da suonare insieme.
Il 19 maggio a Napoli è successo qualcosa di speciale: non c’era più distanza tra l’artista e lo spettatore, non c’era più distanza tra palco e pubblico.
Tutti erano uniti insieme da un unico filo rosso, un’emozione condivisa che non si può raccontare se non ci sei dentro.

Roberta Cacciapuoti

Roberta Cacciapuoti

view all posts

Insegnante di lettere per vocazione di studi, fotografa musicale per passione. Ogni concerto è un universo a sé stante e per questo ogni fotografia che ne scaturisce è un racconto a sé, narrazione per frammenti, pezzo di un mosaico dove luci, ombre, colori si fondono a creare un tutto organico e denso.

0 Comments

Join the Conversation →