Header Unit

Ought live a Londra: epifanie post-punk e la complessità dell’essere

La serata del 24 aprile al The Garage, Londra si apre a suon di chitarre sporche e ossessive.
I Black Midi, band parte della scena cresciuta attorno al pub di culto The Windmill, a sud della città, non risparmiano colpi e mescolano garage, math rock e new wave con maestria.
Sono giovani e forse in controtendenza con il modo in cui la musica viene promossa al giorno d’oggi: non hanno alcuna presenza online, ma se la risposta del pubblico al The Garage significa qualcosa, ne sentiremo parlare presto.

Sul palco seguono i Drahla, trio originario di Leeds e autore di un post-punk martellante con echi di Preoccupations e Protomartyr.
Le canzoni si distinguono per i loro suoni spigolosi e abrasivi, ritmiche quasi tribali e, forse troppi, tagli improvvisi.
Decisamente, la band ha carisma da vendere e benché si richiami a modelli comuni a buona parte della scena alternativa attuale, è un ottimo antipasto per preparare agli headliner dell’evento.

C’è molta attesa attorno al live degli Ought, almeno da parte mia: ho amato i loro primi due album per le liriche poetiche, le chitarre rubate con garbo ai Television, la loro dolente eleganza post-punk.
Vederli dal vivo significa scoprire se la stessa intensitaà si trasferisce sul palco.
I due brani di apertura sono tratti dall’ultimo disco, “Desire”, che presenta un cambio di direzione per la formazione canadese: meno chitarre di ispirazione newyorkese, più spazio al synth.
Un lavoro non meno bello rispetto ai precedenti, ma certo diverso.
Suonato live, con foga e precisione, si anima: i riff e le voci prendono corpo in un affresco personale e complesso.
Mai come prima siamo stati così vicini all’interiorità del frontman Tim Darcy (autore, come solista, del mio disco preferito del 2017): un’occasione irripetibile di sperimentare il mondo attraverso la sua sensibilità, così spiccata.

04-Ought-TheGarage-London-24April2018

Il picco della performance è forse ‘Beautiful Blue Sky‘, una delle canzoni più belle e struggenti del repertorio degli Ought: sette minuti di odissea suburbana, in cui Darcy decostruisce il linguaggio delle interazioni quotidiane – «Come stai? Come va a lavoro? La casa? La famiglia?».
Utilizzando la ripetizione ossessiva come strumento per sottrarre significato a tali domande, la canzone culmina in momenti epifanici in cui l’ideale protagonista realizza il valore del tempo vissuto, e dell’essere nel momento: «
I’m no longer afraid to die / Cause that is all that I have left / Yes! Yes! / And I’m no longer afraid to dance tonight / Cause that is all that I have left / Yes! Yes!».

È un pattern che si ripete in molte delle canzoni degli Ought – per quanto mi riguarda, mai banali, grazie al loro mix di poesia e crescendo strumentali, impiegando gli stilemi tipici del post-punk per aprire spiragli di illuminazione liberatoria, positiva, un pessimismo portato agli estremi in cui la rassegnazione diventa un atto di coraggio.

Live la band si mostra affiatata e compatta, anche se Darcy ruba la scena coi suoi manierismi e la sua voce inconfondibile.
Il quartetto suona per un’ora, concedendo un solo bis (la splendida ‘More Than Any Other Day‘), forse l’unica pecca in una serata perfetta.


Vuoi vedere la gallery completa della serata?
Clicca qui.

0 Comments

Join the Conversation →