Bryan Adams, un pop rock senza età

Budapest, 28 settembre 2019

Chi ha avuto la possibilità di passare per Budapest nei giorni scorsi ha avuto l’opportunità di assistere a due esibizioni live gratuite anche se con protagonisti personaggi totalmente diversi tra loro.

Mercoledì 25 settembre è stata la giornata di Will Smith.
A Budapest per le riprese del suo nuovo film, il Principe di Bel Air ha colto l’occasione per festeggiare il suo compleanno in pompa magna con uno show di livello e fuochi d’artificio di contorno. In scaletta tutte le hit, compresa la mitica sigla del famoso telefilm, ma (purtroppo, a mio modesto parere) senza la colonna sonora di “Men in Black”.
Pubblico accorso in massa, nonostante la location non fosse delle migliori a causa del palco posto in pieno centro e gli spettatori costretti a divincolarsi nelle stradine limitrofe.

Ben altra situazione e location prevista per sabato 28, quando a salire sul palco invece é stato Bryan Adams, in tour a supporto di “Shine a Light”, ultimo album pubblicato a marzo di quest’anno.
Il concerto é stato organizzato per festeggiare il ventesimo anniversario di una delle lotterie locali, la Skandináv Lotto, non nuova a sponsorizzazioni di eventi musicali (l’anno scorso ha sponsorizzato la data conclusiva del tour di Sting & Shaggy).
Location, come anticipato, totalmente diversa da quella riservata a Will Smith: come già accaduto con eventi simili, il palco per il live di Bryan Adams è stato posizionato a Piazzale degli Eroi, alla fine di Andrassy Utca, uno stradone a due corsie per senso di marcia che idealmente collega il centro città con il parco cittadino di Varosliget (dove si trovano le famose terme Széchenyi).
Ad aprire le danze sono stati i WellHello, uno dei gruppi pop locali tra i più apprezzati, che hanno piacevolmente intrattenuto il numeroso pubblico accorso (cifre non ufficiali parlano di 100 mila persone circa).
Poco prima delle 20 é giunto finalmente il momento di Bryan, salito sul palco sorridente ed in forma smagliante.
Pronti?
Via, ed é subito il momento di ‘Somebody‘, il primo dei classiconi in scaletta a scaldare le voci e le mani del pubblico, seguito poco dopo da un altro pezzo da ’90, ‘Run to You‘.
Bryan Adams é di ottimo umore e apprezza tantissimo la location, in un paio di occasioni si commuove guardando la folla oceanica di fronte a lui e facendo diverse foto e video a interruzione tra i brani in scaletta.

Bryan Adams

Un esempio dell’ottimo rapporto con il pubblico é stato il siparietto prima di ‘It’s only love‘, brano in origine cantato con Tina Turner.
Bryan infatti ha ricordato Tina dicendo: «Questo brano l’ho composto con la mitica Tina Turner, e questa sera…lei non é qui», generando ilarità nel pubblico ed indicando sul palco il chitarrista Keith Scott, che l’ha accompagnato nell’esecuzione del brano.
Poco dopo é stato il momento di ‘When You’re Gone‘, altro duetto con in origine il supporto di Mel C delle Spice Girls, eseguito in acustico in solitaria.
A questo punto inizia un crescendo con il meglio del repertorio che piano piano ci porta verso la conclusione della serata.
Partono in sequenza ‘(Everything I Do) I Do it for You‘ (brano attesissimo dalla folla e sicuramente uno dei suoi cavalli di battaglia), ‘Back to You‘, ‘The Only Thing That Looks Good on Me is You‘, ‘Cuts Like a Knife‘, ‘18 ’till I die‘ e ‘Summer of 69‘, ciliegina sulla torta che ha mandato in estasi i presenti.

Concerto finito?
Tutti a casa?
Assolutamente no, perché dopo un momento di pausa si riprende con le note di ‘I could Get Used to This‘, brano presentato con un mash-up con le note di ‘Seven Nation Army‘ dei White Stripes e la cover di ‘I Fought The Law‘, che ai più riporta in mente i Clash.
Altri ringraziamenti e foto di Bryan Adams alla folla con ‘Straight From The Heart‘ e ‘All for Love‘ a concludere un grande live, senza fuochi d’artificio o altri elementi superflui.

0 Comments

Join the Conversation →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.