Wang Wen live a Segrate (MI): un concerto spettrale

La sera del 28 gennaio 2018 è spettrale, la nebbia ricopre Milano e i suoi dintorni: la strada per arrivare al Circolo Magnolia di Segrate si distingue a malapena e nel parco sembrano aggirarsi strani spiriti.
L’evento a calendario promette uno spettacolo molto particolare, la prima data italiana di una band post rock strumentale molto famosa in Cina,  gli Wang Wen.
A confermare l’interesse e la notorietà nella comunità cinese, si vedono infatti molti ragazzi cinesi, i quali sono accorsi per godersi questa data molto particolare.

Dopo un’attesa abbastanza fastidiosa e non riempita da nessun gruppo spalla, finalmente si spengono le luci e cominciano a salire sul palco i Wang Wen.
Sulle note dei vocalizzi del brano ‘Reset‘ si apre il live, omaggio al nono disco della loro produzione, “Sweet Home, Go!” – un album che si è rivelato molto fortunato ed ha permesso alla band di aprire le porte anche al di fuori della patria cinese.

Dopo il brano di apertura si prosegue con ‘Netherworld Water‘ e la sensazione spettrale che avevo avvertito poco prima torna a farsi presente.
Con le luci fioche che creano strane ombre, il leader della band si trova in piedi al centro del palco e suona la sua chitarra con l’archetto del violino cercando di farla cantare e ottenendo delle sonorità davvero particolari.
Saranno i capelli lunghi che nascondono il viso, il lungo archetto e la fitta nebbia che mi ha già condizionato, ma per un attimo un pensiero mi balena per la mente: «sembra quasi di avere di fronte uno shinigami». Poi lo shinigami sorride al pubblico e tutto torna normale.

Wang Wen - Milano (MI)

I suoni diventano sempre più un oscillare tra momenti di grande intimismo e grandi cavalcate in crescendo piene di forza. La band suona a memoria e gli spazi sono riempiti in modo perfetto.
A turno la tromba o il trombone riempiono tutti gli spazi lasciati liberi dalla mancanza di una voce e nel complesso i musicisti suonano in modo impeccabile.
Sweet Home, Go!‘ è il brano che dà il nome al disco ed è forse il momento più intenso: in questo brano si possono sentire le influenze orientali, che si sposano e si contaminano con il rock più occidentale.
Una sensazione strana e che risulta il lato più interessante del progetto Wang Wen.
Welcome To Utopia‘ è l’ultimo brano ed è una sorta di addio – oppure solo un arrivederci?

Mentre ascolto i brani degli orientali penso ad una strana associazione di idee: sembra di riconoscere nelle loro sonorità qualcosa di familiare e già sentito.
Dovendo azzardare un nome al volo, su due piedi, vengono in mente i Massimo Volume.
Il paragone non è forse il più azzeccato ma nel tornare a casa mi trovo a cercare proprio loro su Spotify ed in attimo la voce di Emidio Clementi mi avvolge e rassicura.
Sono più che certo che sarebbe stata un’accoppiata perfetta unita alla frenesia ed energia dei Wang Wen.


Vuoi vedere la gallery completa della serata?
Clicca qui.

Luca Nicoli

Luca Nicoli

view all posts

"Che potevo saperne io di me stesso? Ero proprio io quel personaggio che riuscivo a percepire con la mia coscienza?" Amante della musica e cresciuto nei vicoli di Città Alta a Bergamo.

0 Comments

Join the Conversation →