Bachi da Pietra live a Bergamo: quando la violenza è protagonista

Venerdì 23 Ottobre va in scena la terza data targata Indie Druso: dopo i live dei Diaframma e quello di Edda, sotto il tendone del nuovo Druso sale sul palco uno dei gruppi più rappresentativi della scena underground italiana, i Bachi da Pietra.

Il duo, formatosi nel 2004 dalla collaborazione tra il chitarrista e cantante Giovanni Succi e il batterista Bruno Dorella, riparte da Bergamo per la prima data del nuovo tour.
È da poco uscito il loro ultimo disco, “Necroide”, e questa è l’occasione ideale per portare in tutta Italia le loro nuove sonorità.
A completare la serata, prima dei Bachi da Pietra è in programma Bologna Violenta, il progetto grindcore di Nicola Manzan.

A mente lucida e fuori dal locale, ragiono su quello a cui ho assistito: una vera e propria rappresentazione della violenza messa in musica.
Due facce dello stesso sentimento, ma con sfumature diverse: se Manzan ha rappresentato un tipo di violenza più psicologica, quella espressa dai Bachi da Pietra è stata una violenza ben più fisica e muscolare.

Il concerto di Bologna Violenta comincia con un video di Papa Francesco che dal balcone del Vaticano invita i fedeli ad acquistare un rosario: la chitarra di Manzan è aggressiva e la velocità delle note è disorientante; ad accompagnarlo una batteria che pesta incessante.
Dietro di loro continuano a scorre video di vario genere, ma è la violenza a legarli tutti in un unico filo rosso: ci sono bombe che scoppiano, folle inferocite che combattono e pestaggi della polizia.
Durante tutto questo Manzan suona, si agita, ride e sembra essersi tramutato in un demone ghignante.
La storia della banda della Uno Bianca si mischia a milioni di altre storie creando delle montagne russe da cui diventa quasi impossibile scendere.

I Bachi Da Pietra salgono sul palco avvolti da una coltre spessa di fumo.
Succi si avvicina lentamente al microfono ed il suo atteggiamento è simile a quello di un animale in agguato pronto ad attaccare: muscoli tesi e pronti all’esplosione mentre Dorella sembra invece sprofondato in uno stato di pura concentrazione.
Scorrono i brani dall’ultimo disco, pezzi scuri e pesanti che rasentano il puro black metal: ‘Black Metal il mio Folk‘ e Slayer & the Family Stone‘ sono un inizio scuro e travolgente.
Fascite Necroide‘ è il brano che impatta maggiormente sul pubblico e rende l’atmosfera, se si può, ancor più tetra, raccontando la storia del pericoloso ragno che uccise l’ex chitarrista degli Slayer.
Più scorrono le canzoni, più l’atmosfera con i Bachi da Pietra si fa pesante ed asfissiante: la violenza insita in “Necroide” satura l’aria all’interno del locale.
Quando termina l’esibizione dei Bachi da Pietra il Druso è pieno di fumo e i due guerrieri stanno fermi in piedi, sul palco, come dei monoliti di pietra: esco dal locale a riprendere fiato, e le stelle nel cielo mi rincuorano un po’.

Photogallery a cura di Francesco Bassanelli

Ulteriori info riguardo la serata le trovate qui.

Luca Nicoli

Luca Nicoli

view all posts

“Che potevo saperne io di me stesso? Ero proprio io quel personaggio che riuscivo a percepire con la mia coscienza?”
Amante della musica e cresciuto nei vicoli di Città Alta a Bergamo.

0 Comments

Join the Conversation →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *