Stefano Santoni

has published 23 posts

Tutte le recensioni sono pubblicate anche su www.stefanoradiorockto14.com

Author Archives: Stefano Santoni

The Sea And Cake – Any Day

 Sono passati ormai più di 20 anni da quando il termine post-rock è entrato nelle case dei fruitori di musica, racchiudendo in realtà prodotti molto diversi tra loro. Basti pensare ad esempio ai pochi punti di contatto tra Slint e Bark Psychosis, tanto per citare due...

Jonathan Wilson – Rare Birds

 Mettiamo subito le cose in chiaro: Jonathan Wilson possiede un talento cristallino. Il compositore, polistrumentista e produttore californiano aveva fatto centro pieno con i suoi ultimi due album. Sia “Gentle Spirit” che “Fanfare” (per me disco dell’anno nel 2013) avevano colpito critica e pubblico per l’abilità...

Fluxus – Non Si Sa Dove Mettersi

Non si sa dove mettersi by FLUXUS I Fluxus sono senza ombra di dubbio tra i segreti meglio nascosti di quella giungla inestricabile che è la scena rock italiana. Il collettivo autodisorganizzato (come amano definirsi) si è formato nel 1991 a Torino, pubblicando il primo disco tre...

Bol&Snah – So? Now?

Trondheim è una piccola città di circa 190.000 abitanti, la più settentrionale delle “grandi” città norvegesi. Sede di una nota università e con una scena musicale estremamente attiva tra rock, alternative jazz e sperimentazioni varie, da Trondheim sono uscite molte band importanti, tra cui i più conosciuti...

The Dwarfs Of East Agouza – Bes

Bes by The Dwarfs of East Agouza Maurice Louca: compositore egiziano, manipolatore di beats e tastierista, appassionato di musica mediorientale e free jazz. Sam Shalabi: chitarrista canadese compositore di moltissime colonne sonore di film indipendenti e membro fondatore dei Shalabi Effect e Land Of Kush. Alan Bishop:...

Horse Lords – Interventions

Interventions by Horse Lords Gli Horse Lords sono in quattro, vengono da Baltimora e con “Interventions” sono arrivati al loro terzo album in studio. La struttura è quella (quasi) classica di un gruppo rock, Owen Gardner (chitarra), Max Eilbacher (basso), Sam Haberman (batteria) e Andrew Bernstein (sax e percussioni), ma le finalità sono totalmente diverse....